attendere prego…

Cerca

News

News / Italia

Elettricità Futura incontra i candidati per discutere delle politiche energetiche post elezioni

All’evento del 21 febbraio, moderato da Francesca Basso, giornalista del Corriere della Sera, hanno partecipato Gianluca Benamati (Partito Democratico), Annalisa Corrado (Liberi e Uguali), Francesco Ferri (Forza Italia), Vincenzo Garofalo (Noi con l’Italia), Gianni Girotto (Movimento 5 stelle) e Michele Governatori (+Europa)

Il nostro Paese ha assistito in passato a campagne elettorali in cui le posizioni dei partiti in merito a temi energetici si presentavano molto contrastanti tra loro. Questa volta però, la percezione condivisa dai vari partiti è che si è fatto molto (ad esempio con le rinnovabili) e che si può fare di più (ad esempio nel campo dell’efficienza energetica e della mobilità). Con questo spirito si è svolto ieri a Milano il convegno organizzato da Elettricità Futura “Prospettive del settore elettrico: incontro in vista delle prossime elezioni”. L’evento si è aperto con una ricerca svolta da Quorum/YouTrend sulla percezione dei temi energetici in base alle ricerche degli utenti su Google e con una presentazione di Reti sui possibili vincitori dei collegi ad alta presenza di rinnovabili.

La tavola rotonda tra i candidati ha visto un primo intervento di Francesco Ferri, candidato Forza Italia e Presidente del Centro Studi del Pensiero Liberale, che ritiene fondamentale una regolamentazione abilitante attraverso la semplificazione dei processi autorizzativi e l’avvio di un ragionamento in un’ottica di efficienza dei consumi.

Anche per Gianni Girotto del Movimento 5 Stelle l’efficienza energetica è una priorità e non può essere equiparata alle infrastrutture, così come è concepita ora dall’Unione europea. “I contratti a lungo termine, il conto termico, il nuovo decreto FER, la riforma sui certificati bianchi sono delle dinamiche che possono portare ad abbassare i prezzi”, commenta l’onorevole.

Secondo Gianluca Benamati, candidato del Partito Democratico, “le battaglie sul prezzo della CO2 si devono fare in Europa. I prezzi devono essere strutturati sul principio che chi emette di più, paga di più: è un punto di correttezza etica e di politica industriale”. Secondo il Responsabile Energia del PD “È importante promuovere le FER compatibilmente con la conformazione del nostro paese, quindi per non aumentare l'utilizzo del suolo ma incrementare ed efficientare la potenza, si deve dare peso al rewamping”.

Un programma che viene criticato da Annalisa Corrado di Liberi e Uguali è quello della Strategia Energetica Nazionale in quanto troppo legato al gas. “Il lavoro da portare avanti è molto più ambizioso di quello fatto finora. La revisione delle tariffe e del sistema di dispacciamento dell’energia, lo sblocco immediato di ogni forma di auto-produzione, di auto-consumo e di scambio di energia tra privati, che porterebbero ad una generazione distribuita, efficiente e democratica devono essere le priorità”.

Secondo Vincenzo Garofalo di Noi con l’Italia, quarta gamba del centro destra, “il tema dell’energia non è maturo come in altri paesi. Spesso viene guardato con diffidenza un sistema di produzione di energia perché non c’è abbastanza conoscenza. Va fatto un lavoro ancora più di sistema che punta all’intermodalità e che possa consentire di ottimizzare tutti gli strumenti come ad esempio i veicoli elettrici”. Secondo Garofalo è necessario “abituare le abitudini” per poter incidere sui consumi in un’ottica di efficienza.

Le parole chiave di +Europa, la lista guidata da Emma Bonino, sono sostenibilità ed europeismo. Spiega infatti il candidato Michele Governatori che “l’impresa manifatturiera non può essere innovativa e competitiva con un’Europa debole. Serve più Europa per tornare a dar priorità all’impegno sulla decarbonizzazione che non significa deindustrializzazione ma diventare primi per innovazione”.

L’incontro ha ribadito alle aziende presenti quanto sia importante contribuire a scegliere un’economia green e a essere leader per gli altri paesi, non follower.

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Più lette

Nulla si crea e nulla si distrugge. Ma tutto si trasformerà, velocemente
Giovanni Valotti
Presidente Utilitalia
LEGGI L'EDITORIALE

Notizie correlate

newsletter illumina
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password?

Contatta info@elettricitafutura.it