attendere prego…

Cerca

News

News / Italia

Transizione energetica e Capacity market

Condividiamo l'articolo pubblicato su Gestione Energia di Giulio Cicoletti, Direttore Tecnico - Elettricità Futura e Marco Campagna, Sistema Elettrico e Mercati - Elettricità Futura

L’Italia è oggi coinvolta nel processo di “transizione energetica” che caratterizza tutte le maggiori economie europee e non. Gli elementi principali di questa evoluzione – supportata dalla diffusione dell’innovazione tecnologica - sono la decarbonizzazione, l’incremento dell’efficienza energetica, l’incremento del contributo delle fonti energetiche rinnovabili, l’evoluzione verso modelli di generazione distribuita e di empowerment del consumatore finale. Al fine di focalizzare l’analisi è utile evidenziare gli obiettivi di sviluppo energetico e di decarbonizzazione che l’Italia ha delineato con la pubblicazione della Strategia Energetica Nazionale 2017 (infra SEN17). Nei mercati energy-only come l’attuale modello italiano, però, l’incremento della produzione elettrica da fonti rinnovabili, soprattutto se in larga parte di tipologia intermittente e con costi variabili pressoché nulli, congiuntamente alla riduzione della domanda, può generare effetti che sono oggi riscontrabili sul mercato italiano: variazione del profilo dei prezzi, con incremento della volatilità; incapacità del prezzo di dare segnali di medio-lungo termine efficaci al fine di indirizzare le decisioni di investimento/disinvestimento in capacità produttiva potenzialmente necessaria per il sistema; peggioramento dei fattori di utilizzo e della sostenibilità economica degli impianti di generazione convenzionale anche ad alta efficienza e limitato impatto ambientale, tuttavia necessari per garantire l’adeguatezza del sistema elettrico alla domanda di energia. I mercati energy-only presentano inoltre ulteriori criticità basate sulla bassa capacità della domanda di rispondere alle variazioni di prezzo e la difficoltà di coordinare gli investimenti in sviluppo della rete (di trasmissione e di distribuzione) con gli investimenti per lo sviluppo degli impianti di produzione necessari al raggiungimento degli obiettivi energetici ed ambientali ed allo sviluppo del sistema energetico. Per altro verso, l’esistenza di capacità produttiva programmabile è oggi diventata fondamentale per il suo ruolo di back-up alla produzione da fonti rinnovabili intermittenti, al fine di compensare costantemente le fluttuazioni nella produzione di energia elettrica proveniente da tali impianti e garantire così la sicurezza e l’adeguatezza del sistema elettrico, cioè la capacità di poter coprire in ogni momento tutta la domanda di energia, evitando il ricorso a soluzioni estreme (e costose) come il distacco delle utenze. In teoria, le suddette criticità potrebbero essere affrontate permettendo ai prezzi di raggiungere qualunque livello: in questo modo, le rendite provenienti dagli alti prezzi raggiunti nelle situazioni di scarsità di capacità produttiva disponibile compenserebbero le perdite affrontate durante il resto dell’anno ed al contempo costituirebbero adeguati segnali di comportamento sia per la domanda, sia per l’offerta. Ma in pratica tale soluzione è criticabile sotto il profilo politico e sociale e quindi non può essere presa in considerazione. Il mercato diviene allora artificiosamente calmierato e si genera un problema di “missing money”, cioè l’operatore non riesce a ricevere sul mercato la remunerazione necessaria per permettere l’esistenza stessa dell’unità di produzione, di cui però il sistema necessita. Nel complesso ciò riduce la resilienza del sistema, a nocumento di tutti, in primis dei consumatori. Da tali constatazioni nasce la proposta di sviluppare un capacity market, come integrazione (e non come alternativa) al mercato energy-only. Continua a leggere...

LEGGI GESTIONE ENERGIA N1_2018

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Più lette

Nulla si crea e nulla si distrugge. Ma tutto si trasformerà, velocemente
Giovanni Valotti
Presidente Utilitalia
LEGGI L'EDITORIALE

Notizie correlate

newsletter illumina
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password?

Contatta info@elettricitafutura.it