attendere prego…

Cerca

News

News / 19-05-2017

Il futuro dell’energia di fusione parte dall’Italia

È stato presentato a La Spezia il componente per la fusione nucleare tecnologicamente più avanzato al mondo, interamente progettato e costruito in Italia.

Si tratta di un gigantesco magnete superconduttore destinato a costituire il ‘cuore’ del reattore sperimentale ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor), la centrale a fusione attualmente in costruzione a Cadarache, in Francia. Il reattore ha lo scopo di dimostrare la fattibilità di riprodurre sulla terra la stessa reazione che alimenta il sole e le stelle per ottenere un’energia inesauribile, sicura e pulita.

Il progetto di ITER è stato messo a punto negli ultimi anni sulla base di un'intensa attività di ricerca e sviluppo che ha coinvolto numerosi centri di ricerca, università e industrie di tutto il mondo. L’accordo è stato siglato il 28 giugno 2005 a Mosca da Unione Europea, Giappone, Federazione Russa, Stati Uniti, Cina, Corea del Sud e India.

ITER segna il futuro dell’energia di fusione: sarà infatti il primo impianto a fusione, potente come una centrale convenzionale, in grado di dimostrare la fattibilità scientifica e tecnologica della fusione come fonte di energia.

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

più lette

"Una nuova associazione per affrontare le sfide del futuro da protagonisti"
Simone Mori
Presidente di Elettricità Futura
SCOPRI DI PIÙ

ricerca

categorie

tags

eventi

notizie correlate

newsletter illumina
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password?

Contatta info@elettricitafutura.it