attendere prego…

Cerca

News Room

News Room / News

Settore elettrico: nel 2017 in Italia il 35% della produzione lorda è rinnovabile

Condividiamo il rapporto del GSE “Energia da fonti rinnovabili in Italia” che conferma il ruolo di primo piano delle fonti rinnovabili all’interno del panorama energetico italiano


Nel 2017 i Consumi Finali Lordi di energia da FER in Italia risultano pari a 22 Mtep, in aumento del 4,4% rispetto al 2016. Trend positivo che ha coinvolto il settore elettrico (+2,4%), termico (+6,4%) e quello dei trasporti (+2,1%). Secondo il rapporto del GSE “Energia da fonti rinnovabili” la quota dei consumi energetici complessivi coperta da FER è stata pari al 18,3%, un valore superiore sia al 17,4% dato nel 2016 e per il quarto anno consecutivo al target assegnato all’Italia dalla Direttiva europea per il 2020 del 17%. A fronte della sostanziale stabilità dei consumi totali, questa dinamica è legata principalmente a condizioni climatiche favorevoli che ha consentito di registrare il record storico nella produzione fotovoltaica (24,4 TWh, +10,3% rispetto al 2016) e le temperature mediamente inferiori a quelle dell’anno precedente, che hanno sostenuto il consumo diretto di biomassa nel settore residenziale (6,8 Mtep) con un +9,5% rispetto al 2016.

Relativamente al settore elettrico, il 35% della produzione lorda nazionale proviene da fonti rinnovabili: nello specifico il 35% del totale da fonte idraulica, il 23% da solare fotovoltaico, il 19% da bioenergie, il 17% da eolico e 6% geotermica.

Per quanto riguarda il settore termico, il contributo delle fonti rinnovabili nel 2017 è stato pari al 20% dei consumi energetici complessivi. In particolare, sono stati consumati oltre 11,2 Mtep di energia da FER, di cui circa 10,3 Mtep in modo diretto (attraverso caldaie individuali, stufe, camini, pannelli solari, pompe di calore, impianti di sfruttamento del calore geotermico) e oltre 0,9 Mtep sotto forma di consumi di calore derivato (ad esempio attraverso sistemi di teleriscaldamento alimentati da biomasse). La fonte rinnovabile più utilizzata nei consumi termici è la biomassa solida, assumono però grande rilievo anche le pompe di calore (24% dei consumi termini totali), mentre sono ancora limitati i contributi di biogas, bioliquidi, fonte geotermica e fonte solare.

Per il settore trasporti, infine, nel 2017 sono stati immessi in consumo circa 1,2 milioni di tonnellate di biocarburanti (per un contenuto energetico pari a 1,06 Mtep), in larghissima parte costituiti da biodiesel. La quota dei consumi totali coperta dalle rinnovabili, calcolata secondo i criteri previsti a livello comunitario, risulta pari al 6,5%, a fronte di un obiettivo nazionale al 2020 pari al 10%.

SCARICA IL RAPPORTO

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Ultime novità da EF

Transizione energetica e PNIEC
Marco Margheri
Presidente WEC Italia
LEGGI L'EDITORIALE
Associato del mese
Parliamo di energia con Burgo Group
Visita la sezione completa
newsletter sharing new energy
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password?

Contatta info@elettricitafutura.it