attendere prego…

Cerca

Posizioni

Posizioni / Parlamento / 08-04-2020

Schema Decreto Legislativo Efficienza Energetica

Osservazioni di Elettricità Futura allo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva (UE) 2018/2002 che modifica la direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica (Atto del Governo 162)


L’Associazione ritiene fondamentale il recepimento della direttiva europea EEDD in ottica di raggiungimento degli obiettivi europei di decarbonizzazione energetica. Questa fase potrà infatti rappresentare l’occasione per definire e adottare le più opportune misure atte al rafforzamento dei meccanismi di promozione dell’efficienza energetica previsti nel PNIEC, ovvero i Certificati Bianchi, il Conto Termico, il Fondo Nazionale per l’efficienza Energetica e le detrazioni fiscali.

In particolare l’Associazione, considerando il meccanismo dei certificati bianchi fondamentale per consentire all’Italia il raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica prefissati, ritiene innanzitutto necessario che il nuovo Decreto Legislativo sull’Efficienza Energetica contenga le principali disposizioni atte a ripristinare più velocemente possibile le normali dinamiche di mercato di tale meccanismo, assicurando regole certe e stabili, e garantendo una congrua remunerazione degli investimenti a favore di tutti i soggetti coinvolti. Occorrerà quindi definire le necessarie disposizioni per incrementare la liquidità del sistema e ricreare condizioni di stabilità e certezza per tutti gli operatori coinvolti, garantendo la sostenibilità economica degli investimenti per i soggetti rappresentativi della domanda e dell’offerta. Lato domanda andrebbe ad esempio valutata l’evoluzione del ruolo del distributore verso una partecipazione più attiva al meccanismo dei TEE, in ottica di facilitatore nell’esecuzione di interventi di efficientamento/decarbonizzazione. Inoltre, data la situazione contingente di scarsità di offerta di titoli, che spesso non permette ai distributori di garantire il rispetto degli obblighi annuali, si ritiene necessario adottare misure che consentano un ampliamento della flessibilità temporale nel completamento dell’obiettivo non pienamente raggiunto riferito ad ogni anno d’obbligo. Lato offerta, invece, andrebbero individuati idonei ed efficaci strumenti finalizzati al riequilibrio quantitativo di titoli, quale premessa per la continuità di un meccanismo di mercato virtuoso.

CONTINUA A LEGGERE


CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Ultime novità da EF

Associato del mese
Parliamo di energia con Turboden
Visita la sezione completa

Media

Latest

Iscriviti alle Newsletter Elettricità Futura
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password?

Contatta info@elettricitafutura.it