attendere prego…

Cerca

Posizioni Associative

Posizioni Associative / Terna

Recepimento Regolamento UE 2016/631 del 14/04/2016

Requirements for Generators

Il Regolamento (UE) 2016/631 istituisce un Codice di Rete che definisce requisiti a livello europeo per la connessione alla rete elettrica dei nuovi gruppi di generazione - gruppi di generazione sincroni, parchi di generazione e parchi di generazione offshore - al di sopra di una determinata soglia di potenza (≥ 0,8 kW) e che rientrano nell’ambito di applicazione definito agli articoli 3 e 4 del Regolamento RfG. Il Regolamento RfG è entrato in vigore il 17 maggio 2016 e troverà applicazione nell’ordinamento interno degli Stati membri decorsi tre anni dalla sua entrata in vigore. Il Regolamento RfG distingue i gruppi di generazione in quattro macro-categorie A, B, C e D e definisce per ogni macro categoria requisiti tecnici di connessione crescenti (ovvero, aggiuntivi e/o tecnicamente più complessi nei passaggi dal tipo A al tipo D). I criteri di appartenenza a ciascuna categoria di impianti sono definiti nell’articolo 5 del Regolamento RfG, sulla base dell’area sincrona di appartenenza dello Stato membro, del livello di tensione di connessione e della taglia del gruppo di generazione che si vuole connettere alla rete. Il processo di implementazione del Regolamento RfG richiede la definizione a livello nazionale delle soglie di potenza per la classificazione delle diverse tipologie di impianti (A, B, C, D) entro i limiti massimi di potenza fissati nel Regolamento RfG; nonché la definizione, per tali impianti, dei requisiti tecnici di connessione non esaustivi, vale a dire non interamente definiti nel Regolamento RfG (c.d. requisiti non-exhaustive). A tal fine, è previsto che il gestore della rete di trasmissione, in coordinamento con i TSO adiacenti e i Distributori, definisca e trasmetta all’Autorità di Regolazione nazionale, per approvazione, la proposta delle soglie di potenza e la proposta dei requisiti tecnici di connessione di carattere generale per gli impianti connessi alla propria rete, nonché se così stabilito a livello nazionale, anche per gli impianti connessi alle reti di distribuzione (requisiti non-exhaustive). L’attività di coordinamento è stata posta in essere a livello nazionale nell’ambito del Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) e a livello europeo principalmente nell’ambito dei gruppi di lavoro ENTSO-E sui codici di connessione.

Per consulare il PDF in modalità commenti clicca qui

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Ultime novità da EF

In marcia con passi ben decisi e condivisi verso il 2030
Roberto Moneta
Amministratore Delegato GSE
LEGGI L'EDITORIALE
Associato del mese
Parliamo di energia con Stern Energy
Visita la sezione completa

Notizie correlate

newsletter sharing new energy
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password?

Contatta info@elettricitafutura.it