attendere prego…

Cerca

News

News / Energia

Earth Overshoot Day: è allarme sovrasfruttamento delle risorse naturali

Il 2 agosto 2017 è il giorno del sovrasfruttamento della Terra, data che di anno in anno cade sempre prima nel calendario. Succede da quando nei primi anni 70 si sono iniziate a sfruttare le risorse naturali oltre la capacità di rigenerazione degli ecosistemi

L’Earth Overshoot Day rappresenta la data in cui la richiesta di risorse naturali dell’umanità supera la quantità di risorse che la Terra è in grado di generare nello stesso anno. Secondo il Global Footprint Network - l’organizzazione di ricerca internazionale che ha ideato il metodo di misura dell’impronta ecologica (in inglese Ecological Footprint) per il calcolo del consumo di risorse - quel giorno è oggi 2 agosto 2017. In altre parole ad oggi l’umanità ha già consumato l’intero budget annuale di risorse naturali. Il 60% di questo budget è rappresentato dalla richiesta di natura per l’assorbimento delle emissioni di anidride carbonica.

La data dell’Earth Overshoot Day è caduta sempre prima nel calendario: dalla fine di settembre del 1997 al 2 agosto di quest’anno. Mai così presto da quando il mondo è andato per la prima volta in sovrasfruttamento nei primi anni ’70. L’umanità sta usando la natura ad un ritmo 1,7 volte superiore rispetto alla capacità di rigenerazione degli ecosistemi. È come se ci servissero 1,7 pianeti Terra per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali.

I costi di questo crescente sbilanciamento ecologico stanno diventando sempre più evidenti nel mondo e li vediamo sotto forma di deforestazione, siccità, scarsità di acqua dolce, erosione del suolo, perdita di biodiversità e accumulo di anidride carbonica nell’atmosfera. Un trend che può essere facilmente invertito: se posticipassimo l’overshoot day di almeno 4/5 giorni ogni anno, si potrebbe vivere entro la capacità di un solo pianeta. Ad esempio, la riduzione degli sprechi alimentari del 50% in tutto il mondo potrebbe posticipare tale data di 11 giorni, mentre ridurre del 50% la componente dell’impronta ecologica globale dovuta all’assorbimento di anidride carbonica, sposterebbe la data dell’Overshoot Day verso la fine dell’anno di addirittura 89 giorni.

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

più lette

La sfida che ci attende: comporre le differenze
Guido Pier Paolo Bortoni
Presidente AEEGSI
Leggi l'editoriale

notizie correlate

newsletter illumina
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password?

Contatta info@elettricitafutura.it