attendere prego…

Cerca

Policy

Policy / Mobilità elettrica e storage / 12-02-2024

Semplificazioni ricarica pubblica veicoli elettrici

Lettera interassociativa di Elettricità Futura, ANIE Federazione e Motus-E (26 gennaio 2024)

Elettricità Futura, ANIE Federazione Motus-E hanno trasmesso una lettera al MEF per chiedere di implementare urgentemente le disposizioni normative utili a permettere di regolare la trasmissione dei corrispettivi per le transazioni effettuate per la ricarica nei casi in cui non sia necessario l’emissione della fattura al cliente.

A oggi infatti il Regolamento UE AFIR (Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sulla realizzazione di un'infrastruttura per i combustibili alternativi) prevede obbligatoriamente che, a partire da aprile 2024, tutti i punti di ricarica accessibili al pubblico consentano anche modalità di ricarica specifiche per gli utilizzatori di veicoli elettrici, senza la necessità di dover concludere contratti con i fornitori di energia elettrica o gli operatori interessati.

Anche a seguito di alcuni confronti avuti per le vie brevi con l’Agenzia delle Entrate, le Associazioni propongono quindi al MEF che il rifornimento mediante colonnina elettrica possa essere assimilato, ai fini del processo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi, alla cessione di carburante tradizionale prevedendo un protocollo tecnico-operativo che possa tenere in considerazione le necessarie esigenze e specifiche tecniche degli operatori.



Leggi di seguito il testo integrale della lettera


Illustrissimo Vice Ministro,

lo sviluppo della mobilità elettrica e della sua rete di ricarica è in costante crescita, coerentemente con gli ambiziosi obiettivi di decarbonizzazione promossi a livello mondiale ed in particolare dall’Unione Europea.

In particolare, le recenti modifiche normative comunitarie previste dal Regolamento AFIR (Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sulla realizzazione di un'infrastruttura per i combustibili alternativi, e che abroga la direttiva 2014/94/UE) prevedono obbligatoriamente che, a partire da aprile 2024, tutti i punti di ricarica accessibili al pubblico consentano anche modalità di ricarica specifiche per gli utilizzatori di veicoli elettrici, senza la necessità di dover concludere contratti con i fornitori di energia elettrica o gli operatori interessati. Per i punti di ricarica accessibili al pubblico sono, quindi, abilitate più modalità di pagamento tra cui il cosiddetto “ad hoc charging”, che permettono a tutti gli utilizzatori di veicoli elettrici la possibilità di pagare l’operazione di ricarica con comuni mezzi di pagamento (es. POS “fisico”, pagamento on-line tramite “web-app”/QR code/app senza registrazione). Si tratta, evidentemente, di un requisito particolarmente importante per assicurare la possibilità di ricarica a soggetti, anche esteri, che non dispongono di specifici contratti.

Le scriventi Associazioni, rappresentanti: la filiera industriale nazionale dell’energia elettrica con oltre il 70% del mercato elettrico italiano; le imprese ad alta e medio - alta tecnologia attive nelle filiere dell’Elettrotecnica e dell’Elettronica e i General Contractor industriali; gli operatori industriali e la filiera automotive italiana della mobilità elettrica, sottolineano a tal proposito l’esigenza di prevedere con un'urgenza una proposta emendativa da inserire all’interno dell’art. 2 del d.Lgs. n. 127/15 che permetta di regolare la trasmissione dei corrispettivi per le transazioni effettuate per la ricarica nei casi in cui non sia necessario l’emissione della fattura al cliente.

Al riguardo, anche a seguito di alcuni confronti per le vie brevi con l’Agenzia delle Entrate, proponiamo che il rifornimento mediante colonnina elettrica possa essere assimilato, ai fini del processo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi, alla cessione di carburante tradizionale prevedendo un protocollo tecnico-operativo che possa tenere in considerazione le necessarie esigenze e specifiche tecniche degli operatori.

Auspicando che la prioritaria necessità evidenziata e la conseguente proposta emendativa possa trovare un positivo riscontro e un Suo interessamento, ringraziamo per l’attenzione dedicataci e restiamo a completa disposizione Sua e del suo Dicastero.

 

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Ultime novità da EF

Latest

Iscriviti alle Newsletter Elettricità Futura
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password? Clicca qui

Non hai le tue credenziali di accesso? Creale adesso >>>

Vuoi richiedere un preventivo? Clicca qui