attendere prego…

Cerca

Pubblicazioni

Pubblicazioni / Studi e Approfondimenti / 23-06-2021

Biogas Statistical Report 2021

Pubblicato il “Biogas Statistical Report 2021” di Bioenergy Europe


L’11 giugno 2021 Bioenergy Europe, in collaborazione con la EBA - European Biogas Association, ha pubblicato Rapporto Statistico 2021 incentrato sul biogas e sul biometano. Il Rapporto prende in esame il consumo e la produzione di biogas in Europa e fornisce un'analisi approfondita e aggiornata sullo stato di avanzamento del settore.

  • Il consumo interno lordo di energia da biogas è enormemente aumentato dal 1990, sostenuto dal rapido sviluppo di tecnologie avanzate, con conseguente maggiore efficienza degli impianti e digestori più economici. Tuttavia, nel 2019 il biogas ha costituito una quota marginale del consumo energetico totale dell'UE (solo l'1%), rappresentando il 10% delle bioenergie. Questi dati mostrano, da un lato, che il biogas non è ancora una piena alternativa ai combustibili fossili ma, dall'altro, che è necessario promuoverne lo sviluppo per agevolare il processo di transizione energetica.

  • Tra gli Stati Membri, Germania e Italia sono leader nel consumo di biogas. La Germania è anche il principale produttore europeo di biogas: il suo numero di impianti è aumentato nel 2019 di 185 installazioni rispetto al 2018; il Regno Unito ha superato i mille impianti; anche Italia e Francia hanno registrato un significativo aumento del numero di nuovi impianti in esercizio (rispettivamente +55 e +53).

  • Quasi un terzo del consumo finale di biogas viene utilizzato in diversi settori (commerciale e dei servizi, agricolo, industriale e residenziale): i trasporti hanno rappresentato solo il 2% dell'utilizzo finale di biogas nel 2019 (sotto forma di biometano).

  • In Europa, fino al 71% degli impianti di biogas è alimentato da materie prime del settore agricolo, come i reflui animali, incentivando così le sinergie tra allevamento e biogas e fornendo una soluzione più redditizia per la gestione stessa dei reflui. Generalmente, in ciascun paese esiste un tipo di materia prima dominante per la produzione di biogas: ad esempio, in Danimarca, Francia e Italia è proprio il letame la materia prima maggiormente utilizzata; in Belgio, Polonia e Ucraina, una quota considerevole deriva dai rifiuti organici dell'industria alimentare; in Estonia, Polonia e Svezia, i fanghi di depurazione dominano nettamente il mercato del biogas; in Germania, le colture energetiche e i residui agricoli costituiscono la stragrande maggioranza delle materie prime utilizzate; infine i rifiuti organici sono attualmente ancora sottosviluppati, tranne che in alcuni paesi (es. Belgio, Polonia o Portogallo).

    Disponibili il Policy Brief e il Comunicato stampa.


CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Ultime novità da EF

Latest

Iscriviti alle Newsletter Elettricità Futura
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password? Clicca qui

Non hai le tue credenziali di accesso? Creale adesso >>>