attendere prego…

Cerca

Pubblicazioni

Pubblicazioni / Studi e Approfondimenti / 26-07-2021

Impianti fotovoltaici in aree rurali: sinergie tra produzione agricola ed energetica

Paper di Elettricità Futura e Confagricoltura sui nuovi sviluppi del fotovoltaico, con particolare riferimento agli impianti agrovoltaici

1.   Il ruolo del Fotovoltaico nella transizione energetica

Il settore fotovoltaico italiano sta vivendo una nuova fase di crescita e rinnovamento, proiettato verso il raggiungimento di obiettivi sempre più sfidanti. Secondo tutti gli scenari, europei e italiani, il fotovoltaico rivestirà infatti un ruolo fondamentale nel futuro processo di decarbonizzazione e incremento delle fonti rinnovabili (FER) al 2030. In particolare, secondo il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC), il nostro Paese dovrà raggiungere al 2030 il 30% di energia da fonti rinnovabili sui consumi finali lordi, target che per il solo settore elettrico si tradurrebbe in un valore pari ad oltre il 55% di fonti rinnovabili rispetto ai consumi interni lordi di energia elettrica previsti. Per garantire tale risultato, il Piano prevede un incremento della capacità rinnovabile pari a 40 GW, di cui 30 GW costituita da nuovi impianti fotovoltaici. La potenza solare fotovoltaica cumulata, quindi, dovrà passare dagli attuali 21 GW ad un valore pari a circa 51 GW, grazie alla realizzazione di nuovi impianti e al rinnovamento del parco esistente, con una crescita media di 1,5 GW/anno fino al 2025 e di 5 GW/anno fino al 2030.

Tali target verranno rivisti al rialzo, alla luce degli obiettivi climatici previsti dal Green Deal e dalla proposta “Fit for 55 ([1]) presentata recentemente dalla Commissione UE che prevede al 2030 la riduzione delle emissioni di CO2 di almeno il 55% (invece dell’attuale 40%) rispetto ai livelli del 1990; novità che richiederanno un maggiore impegno dei Paesi europei nello sviluppo delle rinnovabili.

Per poter traguardare questo obiettivo nel nostro Paese, valutiamo che saranno necessari circa 70 GW di nuova capacità FER al 2030 (rispetto ai 40 GW previsti dall’attuale PNIEC) per garantire oltre il 70% dei consumi elettrici al 2030 (stime di Elettricità Futura). Dei 70 GW, il solare potrà assicurare 50 GW puntando sul rinnovamento e potenziamento degli impianti esistenti, sulle nuove installazioni, da quelle di piccola/media dimensione agli impianti utility scale. Tuttavia, considerando che dal 2014 il settore fotovoltaico è cresciuto mediamente di 400 MW/anno, risulta evidente la necessità di accelerare l’attuale trend di sviluppo al fine di garantire la transizione energetica che il nostro Paese si è prefissato di concretizzare.

In generale, ad oggi il mercato dello sviluppo di nuova capacità rinnovabile in Italia è caratterizzato, inter alia, da:

  • taglia degli impianti mediamente molto ridotta (se confrontata, ad esempio, con le situazioni di altri Paesi che hanno obiettivi di transizione energetica altrettanto sfidanti);
  • processi di rilascio delle autorizzazioni per la realizzazione di nuovi impianti molto lunghi e non compatibili con gli obiettivi di decarbonizzazione previsti dal PNIEC.

Con l’attuale ritmo di installazione di nuovi impianti FER, gli obiettivi al 2030 verrebbero infatti raggiunti nel 2090!

Per visualizzare il testo completo del documento, registrati gratuitamente al sito

Leggi il comunicato stampa

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Ultime novità da EF

Latest

Iscriviti alle Newsletter Elettricità Futura
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password? Clicca qui

Non hai le tue credenziali di accesso? Creale adesso >>>