attendere prego…

Cerca

News

News / Comunicati Stampa / 23-06-2021

Articolo 177 del Codice dei contratti pubblici, Utilitalia ed Elettricità Futura: a rischio migliaia di posti di lavoro

Elettricità Futura e Utilitalia in audizione in Commissione Lavoro alla Camera: adeguarsi significa destrutturare le aziende e comporta una perdita di valore patrimoniale per gli enti locali proprietari. A rischio anche sicurezza e qualità dei servizi.


Roma, 22 giugno 2021
- Adeguarsi alla norma vorrebbe dire destrutturare aziende sanissime ed efficienti. Così Utilitalia (Federazione delle imprese di acqua, ambiente e energia) e Elettricità Futura (principale Associazione delle imprese che operano nel settore elettrico italiano) in audizione in Commissione Lavoro alla Camera sulle conseguenze occupazionali dell'applicazione dell'articolo 177 del Codice dei contratti pubblici. In particolare è stato messo in evidenza il rischio per la sicurezza sulla qualità e la continuità dei servizi, il possibile licenziamento di migliaia di lavoratori altamente specializzati, a detrimento di esperienza, competenza e conoscenza specifica, e la perdita di valore patrimoniale per gli enti locali proprietari.


L’esternalizzazione per l’80% dei servizi e delle opere – è stato spiegato – rischia di colpire una platea ampia: si tratta di una norma che non tiene conto di legittimi affidamenti, di situazioni transitorie legate ai processi di liberalizzazione concordati con Bruxelles e della tutela costituzionale della libertà d’impresa. Sul tema tra l'altro imprese e sindacati sono schierate sulle stesse posizioni.

Con questa norma si dovrebbe esternalizzare almeno un ulteriore 30% delle attività - hanno osservato Utilitalia e Elettricità Futura - nei comparti elettrico ed illuminazione pubblica, gas, servizi ambientali e teleriscaldamento, dove la media delle attività svolte direttamente si attesta già intorno alla metà dei costi totali della produzione. Questo determinerebbe la conseguente dismissione del corrispondente valore dei fattori della produzione interni quali, innanzitutto, il lavoro ed immobilizzazioni materiali ed immateriali. I concessionari dovrebbero necessariamente operare una drastica riduzione della forza lavoro nei settori della distribuzione dell’energia elettrica e gas e della gestione dei rifiuti; con questo tipo di esternalizzazione, realisticamente compresa tra l’80 ed il 95%, si avrebbe la perdita di oltre 145mila posti di lavoro nel breve-medio periodo nell’intero comparto, come denunciato dai sindacati.

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Ultime novità da EF

Latest

Iscriviti alle Newsletter Elettricità Futura
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password? Clicca qui

Non hai le tue credenziali di accesso? Creale adesso >>>