attendere prego…

Cerca

News

News / La transizione energetica: dalle parole ai fatti! / 22-06-2021

6 anni è il ritardo medio in Italia per autorizzare un impianto rinnovabile

In Italia il ritardo medio per autorizzare un impianto rinnovabile raggiunge quasi i 6 anni, che si vanno ad aggiungere ai 2 anni previsti dalla legge. Le imprese italiane sostengono inoltre i costi più alti d’Europa per ottenere l’autorizzazione di un impianto rinnovabile.

A rivelarlo è lo studio “Il disegno del sistema autorizzativo per decarbonizzare e rilanciare gli investimenti” presentato da Elettricità Futura, la principale associazione delle imprese elettriche italiane realizzato in collaborazione con Althesys. 

Il mancato raggiungimento degli obiettivi del Green Deal avrebbe impatti molto negativi sul sistema energetico ed economico italiano, in termini di competitività delle imprese, qualità della vita, oneri per i consumatori, oltre che sull’ambiente e sulla salute. I benefici a rischio sono stimati in circa 100 miliardi di euro al 2030, dati dall’insieme di ricadute dirette in Italia degli investimenti, dagli effetti netti sul sistema economico e dalla riduzione delle emissioni.

Segui la campagna #GreenDealOra sui social e condividi il tweet:

Agli Europei del permitting perdiamo con tutti! In Italia i costi di burocrazia autorizzativa per imprese sono i più alti d’Europa. Siamo anche troppo lenti, in media autorizzazione impianti rinnovabili arriva con 6 anni di ritardo https://bit.ly/3wPH0bH #GreenDealOra 

Leggi:

CONDIVIDI

FACEBOOK   /   TWITTER   /   LINKEDIN

Ultime novità da EF

Latest

Iscriviti alle Newsletter Elettricità Futura
iscriviti

Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

Accedi al tuo profilo
Elettricità Futura

Hai dimenticato la password? Clicca qui

Non hai le tue credenziali di accesso? Creale adesso >>>